RETI INSETTICIDE PER POPILLIA JAPONICA

Data di pubblicazione:
04 Luglio 2022
RETI INSETTICIDE PER POPILLIA JAPONICA

Il Servizio fitosanitario di ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste) sta adottando e/o adotterà delle misure di lotta contro la “Popillia japonica”.

Popillia japonica è un insetto originario del Giappone, presente sul territorio lombardo dal 2014, che sta dimostrando un comportamento invasivo molto aggressivo a scapito di coltivazioni e aree naturali. Allo stadio larvale questa specie infesta i prati di graminacee nutrendosi delle radici, mentre gli adulti sono polifagi e attaccano piante spontanee, di pieno campo, ornamentali e forestali determinando defogliazioni, distruzione degli organi fiorali e danni ai frutti.

Popillia japonica è un organismo nocivo soggetto a lotta obbligatoria per normative vigenti, pertanto ERSAF nello specifico sta posizionando su tutto il territorio regionale le seguenti Reti Insetticide:

  • R= Royal Sentry 2.0 – Disease Control Technologies (Deltametrina) n.2750
  • P= PermaNet screen - Vestergaard (Deltametrina) n.250

Si tratta di una struttura formata da un treppiede ricoperto da una rete. Gli insetti vengono attirati verso la trappola dall’attrattivo posizionato al centro del treppiedi e vengono intercettati dalla rete. Il contatto degli adulti di Popillia japonica con la rete consente l’assorbimento di minime quantità di insetticida di cui è intrisa. La perdita di vitalità non è immediata, ma consente all’insetto di volare e muoversi ancora per qualche minuto. Per l’utilizzo di questo tipo di trappola i Servizi fitosanitari di Lombardia e Piemonte hanno chiesto e ottenuto una particolare autorizzazione dai ministeri della salute, dell’ambiente e dell’agricoltura. Complessivamente, sul territorio attualmente infestato dall’insetto, il Servizio fitosanitario gestisce circa 3.000 stazioni con le trappole. Questi strumenti sono molto efficaci, ma, attenzione, devono essere utilizzati esclusivamente nell’ambito di strategie territoriali. Il Servizio fitosanitario chiede quindi la collaborazione di tutti i cittadini perché le trappole non vengano spostate, sottratte o manomesse. I tecnici del Servizio fitosanitario si occuperanno della loro manutenzione.

Per ulteriori delucidazioni circa gli interventi che verranno eseguiti è possibile scrivere alla casella di posta elettronica  popillia@ersaf.lombardia.it.

Per ulteriori informazioni su Popillia japonica e sulle attività che il Servizio Fitosanitario sta svolgendo per il monitoraggio e il controllo è possibile consultare il sito www.fitosanitario.regione.lombardia.it/wps/portal/site/sfr

Ultimo aggiornamento

Venerdi 29 Luglio 2022